Mete per le vacanze: tour operator o fai da te?

pubblicato in: Guide Turistiche | 0

Con l’avvento di Internet e dei numerosissimi siti comparativi, sono sempre di più gli aspiranti turisti che decidono di organizzare il viaggio da soli.

È anche per questo che le agenzie di viaggi sono sempre più in declino: eppure, al lato opposto, i tour operator, sembrano essere sempre più in ascesa.

Ecco che quando ci si ritrova ad organizzare le vacanze in molti si chiedono se sia meglio rivolgersi ad un tour operator oppure organizzarlo da soli.

Attenzione all’All inclusive

Decidendo di affidarvi ad un tour operator qualificato come ramitours srl, non dovrete preoccuparvi di nulla: dalla scelta del mezzo di trasporto, al tipo di alloggio e servizi, tutto verrà preparato nei minimi dettagli, evitando che possiate incappare in qualche brutta sorpresa o in rincari non previsti.

Quando invece si decide per il fai da te, in molti ritengo che si andrà a spendere di meno dal momento che non vi è la presenza di un intermediario, anche se in realtà non è sempre.

Un esempio calzante è l’all inclusive.  Si tratta di un pacchetto che include viaggio, alloggio, vitto, e magari qualche extra; il costo non è sempre dei più economici, ma la verità è che, se paragonato a ogni singola spesa che il viaggiatore dovrebbe affrontare se non appoggiato da un tour operator, questo costo risulta nettamente più conveniente.

A volte infatti è meglio fare un piccolo sforzo in più, e spendere il doppio, piuttosto che rischiare di finire in un albergo di infimo livello che non è per nulla come era stato descritto sul sito.

Su Internet (quasi) nulla è come sembra.

Fare attenzione agli extra

Un viaggio non è fatto solo di volo, alloggio e vitto, con l’aggiunta delle attrazioni che si andranno a visitare. Una vacanza, o per meglio dire, una vacanza ben organizzata, si compone anche di quei particolari che spesso sfuggono al viaggiatore inesperto ma non al tour operator.

Ad esempio, se il viaggio è all’estero, in un paese extraeuropeo, il turista dovrà stipulare un’assicurazione sanitaria, in quanto quella UE non lo coprirà.

I tour operator questo lo sanno, perciò nella gran parte dei casi l’assicurazione sanitaria è già inclusa nei pacchetti offerti.

Ad ognuno la sua scelta

Un argomento a favore dei viaggi fai da te è che, organizzandosi da soli, c’è più libertà, mentre all’opposto bisognerebbe attenersi per forza all’itinerario del tour operator.

In realtà non è detto che sia così: in alcuni casi è bene avere già accesso a luoghi che altrimenti sarebbero difficilmente raggiungibili senza prenotazione o senza permessi specifici.

Fondamentalmente, il dibattito tour operator o fai da te si fonda sulla libertà di manovra: sarà merito di film come Into the Wild, ma in molti hanno questo sogno di un viaggio fatto con zaino in spalla, perciò il tour operator appare come una palla al piede.

La verità però è che l’appoggio del tour operator fornisce maggiore sicurezza, che non fa mai male.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *