Roma insolita: 5 posti della Capitale che non conosci

pubblicato in: Luoghi da visitare | 0

Roma è così ricca di monumenti e bellezze artistiche che, durante una visita, è normale soffermarsi sui monumenti più conosciuti. Ma oltre a Colosseo, Piazza San Pietro e Fontana di Trevi – che meritano ovviamente una visita per il loro valore inestimabile – sono innumerevoli i tesori nascosti tra le vie della Città Eterna. Il consiglio è quello di dedicare un giorno del vostro viaggio a Roma per scoprire quei luoghi meno conosciuti al turismo di massa, e per questo ancora più affascinanti: ecco una guida per suggerire uno spunto al vostro itinerario della Roma segreta.  

Porta del Priorato di Malta

Salendo al colle Aventino di notano spesso delle persone guardare un portone chiuso proprio vicino all’ingresso del bel Giardino degli Aranci. Sono soprattutto i romani a farlo, perché sanno bene che, guardando nel buco della serratura del grande portone della Villa del Priorato di Malta, si può ammirare un’incredibile prospettiva della cupola di San Pietro, che è perfettamente incorniciata dagli alberi del giardino dell’Ordine dei Cavalieri di Malta. Un gioco di prospettive suggestivo e imperdibile.

Galleria Sciarra

I moltissimi palazzi della Capitale spesso nascondono dei veri e proprio gioielli: è il caso di Galleria Sciarra, un passaggio pedonale in stile liberty che si trova tra via Marco Minghetti, Vicolo Sciarra e Piazza dell’Oratorio. Nato dalla nuova urbanizzazione che Roma attraverso nell’Ottocento, è un cortile privato che però si può attraversare durante gli orari d’ufficio, ed è ipnotica grazie al tetto di vetro e ai magnifici dipinti di Giuseppe Cellini.

Scala Elicoidale

È il segreto meglio custodito dai Musei Vaticani, e lascia letteralmente a bocca aperta i visitatori: si tratta della maestosa scalinata progettata dall’architetto Giuseppe Momo nel 1932, ed è proprio lo spazio d’accesso ai musei. Formata da una doppia rampa, che s’intreccia per formare una doppia elica, si presta a foto magnifiche soprattutto se vista dall’alto verso il basso.

Quartiere Coppedè

Un pezzo di Roma completamente fuori dal tempo e diverso da tutti gli altri stili architettonici della capitale: si tratta di un piccolo quartiere tra piazza Buenos Aires e via Tagliamento, a cui si accede passando sotto l’arco tra i Palazzi degli Ambasciatori. Ad impressionare è l’incredibile mix di stile liberty, gotico e rinascimentale degli edifici, che da la sensazione di essere entrati in un mondo onirico e fatato.

Casina delle Civette

Simile come stile al quartiere Coppedè, è un vero e proprio gioiellino nascosto nel bellissimo parco di Villa Torlonia, sulla via Nomentana. Tra le colline e gli alberi spicca questa villa liberty che fu il rifugio dell’ultimo discendente Torlonia, il quale la volle arredare unendo i temi medievali e l’art noveau, in un mix magico di stili, colori ed elementi esoterici.

Cimitero Acattolico

Proprio dietro alla Piramide Cestia si nasconde un luogo che farà impazzire gli amanti della storia e dell’arte: è il Cimitero Acattolico, un luogo di sepoltura per i non religiosi dove sono sepolti, tra gli altri, i poeti John Keats e Percy Shelley. Ad incantare è la magnifica architettura delle tombe, in particolare le celebri statue degli angeli addolorati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *